Piazza Affari parte in cauto rialzo. Occhi già puntati sulla BCE

Esordio cautamente positivo per Piazza Affari, che evidenzia una performance in linea con il resto d’Europa. Anche il recupero delle borse asiatiche è apparso timoroso, in vista degli importanti appuntamenti dei prossimi giorni: i dati preliminari dei PMI manifatturieri venerdì e la riunione della BCE il giorno prima.

L’attenzione è concentrata sopratutto sull’Eurotower, che riunirà giovedì il comitato di politica monetaria, dalquale sono attesi maggiori dettagli riguardo la possibilità di estendere il Piano QE lanciato ad inizio 2015. 

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia a 1,134. Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 103 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,59%.

Tra le principali Borse europee, resta vicino alla parità Francoforte (+0,15%), piatta Londra, che scambia sui livelli di ieri, mentre Parigi sale di un modesto 0,06%. Seduta in lieve rialzo anche per Piazza Affari, con il FTSE MIB, che avanza dello 0,17.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, effervescente Unicredit, con un progresso del 3,27%, di riflesso ai rumors di un quotidiano austriaco sulla possobilità di cedere le attività retail banking a Cerberus. 

Giornata moderatamente positiva per Exor, che sale di un frazionale +0,77%, in attesa del debutto sempre più vicino di Ferrari a Wall Street.

Seduta senza slancio per Mediolanum, che riflette un moderato aumento dello 0,70%.

Le più forti vendite si registrano fra i titoli oil, di riflesso alla caduta del greggio, con Tenaris, che cede il 2,08%. Male anche Saipem, che scende dell’1,85%.

Torna fuori moda il lusso, con Moncler che arretra dell’1,63% e Tod’s dell’1,47%. Fa eccezione YOOX NET-A-PORTER che avanza dell’1,39%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari parte in cauto rialzo. Occhi già puntati sulla BCE