Piazza Affari parte bene con le banche. Incerti gli altri eurolistini

(Teleborsa) – Giornata all’insegna della cautela per i listini azionari europei, che risentono della chiusura in rosso di Wall Street e della performance negativa dei mercati asiatici. Parte bene Piazza Affari, che beneficia invece dell’ottima performance dei bancari. 

A penalizzare i mercati azionari mondiali sono le incertezze relative all’andamento dell’economia, in attesa del fiume di dati macro di fine mese, e la cautela che solitamente precede l’avvio della stagione delle trimestrali.  

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,143. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.243,3 dollari l’oncia. Lieve aumento del petrolio (Light Sweet Crude Oil) che sale a 45,09 dollari per barile.

Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 169 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,16%.

Nello scenario borsistico europeo incolore Francoforte, che non registra variazioni significative rispetto alla seduta precedente, debole Londra, con un modesto ribasso dello 0,32%, senza slancio Parigi, che chiude con un +0,05%. Il listino milanese mostra un timido guadagno, con il FTSE MIB che sta mettendo a segno un +0,24%.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Unipol (+4,39%), dopo il via libera al riassetto del polo assicurativo e alla creazione della bad bank. Al contrario UnipolSai segna un -1,06%.

Nel comparto bancario appaiono brillanti anche BPER (+1,50%) ed Intesa Sanpaolo (+1,08%).

Sugli scudi Yoox (+1,16%)

Fra i più forti ribassi si segnala anche Telecom Italia, che cede lo 0,86%, in scia alla querelle con il governo sulla banda ultralarga.

Piccola perdita per ENI, che chiude con un -0,75%.

Piazza Affari parte bene con le banche. Incerti gli altri eurolistini
Piazza Affari parte bene con le banche. Incerti gli altri eurolis...