Piazza Affari maglia rosa grazie a bancari e oil

(Teleborsa) – Finale in cauto rialzo per le principali borse europee, dove Piazza Affari indossa la maglia rosa rimbalzando alle pesanti perdite della vigilia, innescate dallo spettro di un ritorno alle urne. Il Listino milanese torva terreno fertile da bancari e petroliferi.

Nessuna variazione significativa per l’Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,186. L’Oro è sostanzialmente stabile su 1.314,4 dollari l’oncia. Forte rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che mette a segno un guadagno del 2,95%.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a 131 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,87%, dopo laconferma da parte del Quirinaledella riapertura di un confronto sulla formazione di un governo tra Movimento Cinque Stelle e Lega.

Tra gli indici di Eurolandia sostanzialmente tonico Francoforte, che registra una plusvalenza dello 0,24%. Tonica Londra che evidenzia un bel vantaggio dell’1,28%. Guadagno moderato per Parigi, che avanza dello 0,23%. Il listino milanese mostra un timido guadagno in chiusura, con il FTSE MIB che ha messo a segno un +0,51%. 

Alla chiusura di Milano risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 3,92 miliardi di euro, con un incremento del 78,21%, rispetto ai precedenti 2,2 miliardi di euro; mentre i volumi scambiati sono passati da 0,87 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,52 miliardi, mentre i contratti si sono attestati a 399.189, rispetto ai precedenti 228.332.

Su 226 titoli scambiati sulla borsa di Milano, 90 azioni hanno chiuso in territorio negativo, mentre 116 azioni hanno portato a casa un rialzo. Invariate le altre 20 azioni del listino milanese.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Petrolifero (+2,75%), Costruzioni (+1,75%) e Materie prime (+1,62%). Nel listino, i settori Automotive (-1,48%), Telecomunicazioni (-1,32%) e Chimico (-1,23%) sono stati tra i più venduti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo BPER (+8,26%), Saipem (+5,89%), UBI Banca (+3,50%) e Leonardo (+3,03%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Pirelli & C, che ha chiuso a -2,31%.

Fiat Chrysler scende dell’1,95%.

Calo deciso per Snam, che segna un -1,63%.

Sotto pressione Telecom Italia, con un forte ribasso dell’1,54%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Datalogic (+3,94%), FILA (+3,04%), Diasorin (+2,68%) e IMA (+2,13%). Le più forti vendite, invece, si sono abbattute su SOL, che ha terminato le contrattazioni a -3,33%.

Crolla Saras, con una flessione del 2,04%.

Soffre Piaggio, che evidenzia una perdita dell’1,95%.

Preda dei venditori Banca Ifis, con un decremento dell’1,72%.

Piazza Affari maglia rosa grazie a bancari e oil