Piazza Affari maglia rosa d’Europa. Rimbalzano le banche

(Teleborsa) – Partenza con il segno più per la Borsa di Milano e le sorelle europee, dopo che dai verbali della Fed sono emerse divergenti tempistiche tra i membri del Board per un rialzo dei tassi d’interesse.

Tra le variabili macroeconomiche di maggior peso, si attende dall’Unione Europea la diffusione del dato dei Prezzi consumo, prevista stamattina alle 11:00 (0,2% nelle stime degli esperti). Nel pomeriggio verrà diffuso invece il Leading indicator degli Stati Uniti (il precedente era 0,3%), che secondo le stime sarà di 0,2%.

L’Euro / Dollaro USA mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,31%. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,41%. Seduta in lieve rialzo per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che avanza a 46,96 dollari per barile.

Piccolo passo in avanti dello spread, che raggiunge quota 117 punti base, mostrando un aumento di 1 punto base.

Tra i listini europei, piccoli passi in avanti per Francoforte, che segna un incremento marginale dello 0,47%, giornata moderatamente positiva per Londra, che sale di un frazionale +0,28%, sulla stessa linea Parigi, che riflette un aumento dello 0,43%.

Giornata di guadagni per la Borsa di Milano, con il FTSE MIB, che mostra una plusvalenza dello 0,72%.

Rimbalzano le banche dopo la debacle della vigilia. Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano UBI Banca, che mostra un forte aumento del 2,57%. Decolla Mediaset, con un importante progresso del 2,47%: secondo Il Sole 24 Ore Vivendi starebbe studiando una nuova proposta su Mediaset Premium da presentare nelle prossime settimane. Incandescente Banca Popolare dell’Emilia Romagna, che vanta un incisivo incremento del 2,38%. Buoni spunti su Banca MPS, che mostra un ampio vantaggio dell’1,83%. ato il dato PhillyFed alle 14:30 di questo pomeriggio (valore previsto: 1,5 punti).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari maglia rosa d’Europa. Rimbalzano le banche