Piazza Affari inizia un altro giorno di passione

(Teleborsa) – Si muove in territorio decisamente negativo Piazza Affari, accompagnata dalle sorelle europee, dopo aver bruciato ieri (28 maggio) circa 60 miliardi di euro sulle in certezze politiche che dominano il Paese. Oggi il premier incaricato Carlo Cottarelli dovrebbe presentare la lista dei ministri al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Vola lo spread oltre i 250 punti, sui massimi dalla fine del 2013, in vista del nuovo voto in autunno. Il differenziale si attesta a 253 punti base, con un deciso aumento di 22 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 2,82%.
Occhi puntati sull’asta BOT semestrale in calendario oggi.

Situazione politica difficile anche per la Spagna: venerdì 1 giugno il voto sulla mozione di sfiducia presentata dal PSOE contro il Premier Mariano Rajoy.

S’indebolisce l’euro, arrivando a scambiare sui minimi da 6 mesi contro il dollaro e da 11 mesi contro lo yen. Il cross Euro/Dollaro USA lascia sul parterre lo 0,30%. Sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.296,7 dollari l’oncia. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 66,71 dollari per barile, con un ribasso dell’1,72%.

Occhi puntati sulle parole del presidente di Bankitalia, Vincenzo Visco, che pronuncerà in occasione dell’Assemblea annuale della Banca d’Italia.

Tra le principali Borse europee si muove sotto la parità Francoforte, evidenziando un decremento dello 0,58%, in rosso Londra, che evidenzia un deciso ribasso dello 0,82%, giù Parigi, che scende dello 0,73%.

Pioggia di vendite sul listino milanese, che scambia con una pesante flessione dell’1,51%, proseguendo la serie di cinque ribassi consecutivi iniziata mercoledì scorso. Ieri l’indice FTSE MIB ha perso oltre il 2%, scivolando sotto i 22.000 punti.

Tra i peggiori della lista di Piazza Affari ancora le Banche (-3,35%), l’Assicurativo (-1,99%) e Servizi per la finanza (-1,80%).

Tutte in calo le Blue Chip, con UBI Banca che registra una flessione del 4,99%. Sessione nera per Poste Italiane, che lascia sul tappeto una perdita del 3,46% nel giorno dell’assemblea. In caduta libera Unicredit, che affonda del 3,14%. Pesante Banco BPM, che segna una discesa di ben -3,09 punti percentuali.

Da solo nella classifica dei risultati positivi del FTSE MidCap, Danieli si posiziona su un buon +0,7%. Le peggiori performance, invece, si registrano su Credito Valtellinese -4,00%. Seduta drammatica per Anima Holding, che crolla del 3,52%. Sensibili perdite per Biesse, in calo del 3,00%. In apnea Falck Renewables, che arretra del 2,83%.

Sull’AIM Italia schizza in alto Zephyro +36,55% dopo l’OPA lanciata da Edison.

Piazza Affari inizia un altro giorno di passione