Piazza Affari inizia l’ottava col piede giusto

(Teleborsa) – Tutte positive in avvio di seduta e di ottava le principali Borse europee, che si allineano all’andamento prevalentemente in verde dei listini asiatici.

La propensione all’acquisto è supportata anche dal possibile via libera della riforma fiscale statunitense prima di Natale, cosa che permetterebbe di far scattare il taglio delle tasse alle aziende già a partire dal 2018.

Scarna l’agenda macroeconomica che prevede solo i prezzi al consumo in Eurozona, dato monitorato con attenzione dalla Banca Centrale Europea.

Sul valutario, l’Euro / Dollaro USA sale a quota 1,178.

Tra le commodities, sostanzialmente stabile l’oro, che continua la sessione sui livelli della vigilia a quota 1.256,7 dollari l’oncia mentre il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) avanza a 57,73 dollari per barile.

Lieve miglioramento dello spread, che scende fino a 149 punti base, con un calo di 2 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,79%.

Nello scenario borsistico del Vecchio Continente ben comprata Francoforte, che segna un forte rialzo dello 0,94%. Bilancio positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,60%, mentre Parigi passa di mano sulla parità.

Segno più per la Borsa Milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,62% a 22.232 punti, spezzando la serie negativa iniziata mercoledì scorso; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 24.558 punti. Poco sopra la parità il FTSE Italia Mid Cap (+0,23%); sulla parità il FTSE Italia Star (-0,09%).

Tra i best performers di Milano, scatta Moncler (+2,92%). Venerdì scorso il luxury brand ha annunciato la sigla di un accordo su patent box e pendenze fiscali.

Denaro su STMicroelectronics (+1,91%) e Recordati (+1,59%). Quest’ultima ha rilevato da Bayer tre prodotti da destinare al mercato francese.

I più forti ribassi, invece, si verificano su Banco BPM, che arretra dell’1,27%. Pensosa Unicredit, con un calo frazionale dello 0,74%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Rai Way (+3,55%), Juventus (+3,42%), De’Longhi (+2,62%) e Danieli (+1,82%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su IGD, che ottiene -13,76%.

Sensibili perdite per Maire Tecnimont, in calo del 4,34%.

Si concentrano le vendite su Ansaldo, che soffre un calo dell’1,58%.

Vendite su doBank, che registra un ribasso dell’1,37%., un elemento monitorato con attenzione dalla Banca Centrale Europea.

Piazza Affari inizia l’ottava col piede giusto