Piazza Affari in rosso frena i listini europei

(Teleborsa) – Giornata difficile per Piazza Affari che chiude il calo di oltre il 2%, frenando anche i mercati europei che tuttavia resistono alle vendite. La preoccupazione degli investitori italiani sugli sviluppi nella formazione del nuovo Governo tra M5S e Lega, si ripercuote nelle sale operative. Intanto, dall’altra parte dell’oceano, la borsa di Wall Street procede cauta con lo S&P-500 che segna un +0,12%.

Sessione debole per l’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dello 0,47%. L’Oro continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,38%. Lieve calo del petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scende a 71,03 dollari per barile.

Sale molto lo spread, raggiungendo 147 punti base, con un deciso aumento di 17 punti base, mentre il BTP con scadenza 10 anni riporta un rendimento del 2,09%.

Tra i mercati del Vecchio Continente Francoforte avanza dello 0,20%. Senza spunti Londra che non evidenzia significative variazioni sui prezzi. Si muove in modesto rialzo Parigi, evidenziando un incremento dello 0,26%.

Sessione da dimenticare per la Borsa italiana, con il FTSE MIB che lascia sul terreno il 2,32%, arrestando la serie di tre rialzi consecutivi, avviata venerdì scorso. Sulla stessa linea, giornata nera per il FTSE Italia All-Share che scivola del 2,29%.

In luce sul listino milanese il comparto Materie prime, con un +1,78% sul precedente. Nella parte bassa della classifica di Milano, sensibili ribassi si sono manifestati nei comparti Media (-3,94%), Telecomunicazioni (-3,91%) e Banche (-3,68%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, acquisti a piene mani su Saipem che vanta un incremento del 12,23%, grazie aigiudizi di Morgan Stanley e Bernstein. Si è mossa in territorio positivo Tenaris, mostrando un incremento dell’1,84%. Ben comprata Moncler, che vanta un progresso dello 0,88%. Tonica Ferragamo che registra una plusvalenza dello 0,61%. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Fineco che ha chiuso a -5,47%. Affonda Banco BPM, con un ribasso del 5,37%.Crolla Mediaset che, all’indomani della trimestrale, mostra una flessione del 5,28%.Venduta Unicredit che soffre un decremento del 4,72%.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Vittoria Assicurazioni (+19,73%) che si è allineata al prezzo dell’Opas promossa da Vittoria Capital, ed El.En (+3,20%). I più forti ribassi, invece, si sono abbattuti su Geox che ha archiviato la seduta a -6,03%, dopo la diffusione dei ricavi del primo trimestre. Pessima performance per Anima Holding, che registra un ribasso del 5,57%. Sessione nera per Credito Valtellinese, che lascia sul tappeto una perdita del 5,09%. In caduta libera doBank che affonda del 4,99%.

Piazza Affari in rosso frena i listini europei