Piazza Affari in rally. Spread in forte calo

(Teleborsa) – Lo scampato downgrade da parte di Standard & Poor’s e lerassicurazioni del Governo sulle banche mettono il turbo a Piazza Affari, in forte rialzo e con il FTSE Mib che nella mattinata ha riconquistato quota 19.000 punti.

Bene anche le altre principali Borse europee, che rimbalzano dopo le perdite di venerdì.

Sul valutario l’Euro / Dollaro USA torna sui livelli della vigilia a 1,14 dopo essersi portato, in concomitanza con l’avvio di seduta dei Listini, ai minimi di due mesi a 1,1360.

Tra le commodities, l’oro lascia sul parterre lo 0,35% mentre il petrolio (Light Sweet Crude Oil) si attesta sui valori della vigilia a 67,53 dollari per barile.

Sensibile miglioramento dello spread, che raggiunge quota 291 punti base, con un decremento di 19 punti base. Il rendimento del BTP a 10 anni si posiziona al 3,30%. Da rilevare la forte domanda degli investitori e il calo del rendimento nell’asta di BOT di questa mattina.

Tra i listini europei ottima performance per Francoforte, che registra un progresso dell’1,83%. Exploit di Londra, che mostra un rialzo dell’1,90% mentre Parigi avanza dello 0,96%.

Il listino milanese, che mostra un guadagno del 2,43% sul FTSE MIB; sulla stessa linea, balzo del FTSE Italia All-Share, che continua la giornata a 21.085 punti. Effervescente il FTSE Italia Mid Cap (+3,14%), come il FTSE Italia Star (3,7%).

Buona la performance a Milano dei comparti chimico (+4,26%), bancario (+3,78%) e costruzioni (+3,76%).

Ancora banche tra i best performer di Milano dopo che Tria ha parlato di Istituti solidi e assicurato che il Governo è pronto a sostenere il settore in caso di problematicità. Gli acquisti si concentrano su Banco BPM (+5,59%) e UBI Banca (+5,38%) ma corrono anche STMicroelectronics (+4,93%) e Brembo (+4,75%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Leonardo, depressa dall’incidente che ha causato la morte del Presidente del Leicester.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano c’è invece Ansaldo (+9,14%), che si avvicina al prezzo dell’OPA totalitaria lanciata da Hitachi. Ottime Banca MPS (+8,15%), Credem (+7,58%) e Gima Tt (+6,70%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Danieli, che continua la seduta con -2,02%.

Piazza Affari in rally. Spread in forte calo