Piazza Affari in lieve salita su un’Europa debole

(Teleborsa) – Milano avvia la giornata all’insegna della debolezza, ma lievemente sopra la parità. In rosso le altre borse di Eurolandia che pagano la scia di forti ribassilasciata ieri 24 ottobre da Wall Street e la brutta giornata di Tokyo. In Italia occhi puntati sulla Manovra. Il Ministro dell’Economia, Giovanni Tria ha sottolineato che non vi è alcun piano B sulla Legge di Bilancio.

Oggi 25 ottobre è il giorno della BCE che si pronuncerà in materia di tassi di interesse. A seguire la conferenza stampa del Presidente Mario Draghi.

L’Euro / Dollaro USA è sostanzialmente stabile e si ferma su 1,141. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.234,5 dollari l’oncia. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) in calo (-0,79%) si attesta su 66,29 dollari per barile. Si riduce di poco lo spread che si porta a 317 punti base, con un lieve calo di 4 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 3,56%.

Tra i mercati del Vecchio Continente discesa modesta per Francoforte, che cede un piccolo -0,55%, spicca la prestazione negativa di Londra, che scende dello 0,88%, e pensosa Parigi, con un calo frazionale dello 0,29%.

Nessuna variazione significativa per il listino milanese, con il FTSE MIB che avanza dello 0,22%. Sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza il FTSE Italia All-Share che sale dello 0,14%.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, si muove in territorio positivo Mediobanca, mostrando un incremento dell’1,82%. Denaro su Ferragamo, che registra un rialzo dell’1,47%. Positiva BPER che vanta un progresso dell’1,31%. Seduta senza slancio per Banca Mediolanum, che riflette un moderato aumento dello 0,99%. I più forti ribassi, invece, si verificano su STMicroelectronics, che continua la seduta con -2,55%. Saipem scende dell’1,81%. Calo deciso per A2A che segna un -1,51%. Sotto pressione Tenaris, con un forte ribasso dell’1,73%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Banca Ifis (+265%), Salini Impregilo (+1,73%), Tod’s (+1,83%) e Juventus (+1,02%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su De’ Longhi, che prosegue le contrattazioni a -1,79%. Preda dei venditori El.En, con un decremento dello 0,71% Si concentrano le vendite su Credito Valtellinese che soffre un calo dell’1,46%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari in lieve salita su un’Europa debole