Piazza Affari in lieve salita davanti alle borse europee

(Teleborsa) – Piazza Affari passa dalla parte degli acquisti, superando gli indici europei che si muovono al di sotto della parità.

Dal fronte macro, nessuna sorpresa dal dato definitivo sull’inflazione dell’Eurozona che si conferma in frenata nell’ultimo mese del 2017. 

Occhi puntati sulle banche dopo che S&P ha spiegato che si rafforzeranno ancora nel 2018 anche se resta il nodo NPL.

L’Euro / Dollaro USA continua la seduta poco sotto la parità, con un calo dello 0,43%. Sessione debole per l’oro, che scambia con un calo dello 0,22%. Seduta in frazionale ribasso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che lascia, per ora, sul parterre lo 0,44%.

Tra i listini europei nulla di fatto per Francoforte, che passa di mano sulla parità. Si muove sotto la parità Londra, evidenziando un decremento dello 0,23%. Incolore Parigi che non registra variazioni significative, rispetto alla seduta precedente.

In salita Piazza Affari, con il FTSE MIB che sale dello 0,22%. Sulla stessa linea, resta piatto il FTSE Italia All-Share in salita dello 0,23%. 

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Leonardo (+2,80%), Moncler (+2,12%), Italgas (+1,30%) e A2A (+1,22%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su BPER, che prosegue le contrattazioni a -1,55%.

Soffre UBI Banca, che evidenzia una perdita dell’1,09%.

Contrazione moderata per Banco BPM, che soffre un calo dello 0,89% dopo aver collocato con successo presso gli investitori istituzionali un covered bond per un ammontare di 750 milioni di euro.

Sottotono Recordati che mostra una limatura dello 0,84%.

In ribasso TIM che va avantinella creazione della joint venture con Canal +

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Fincantieri (+3,54%), FILA (+2,88%), Technogym (+2,81%) e IMA (+2,81%). Le peggiori performance, invece, si registrano su Maire Tecnimont, che ottiene -2,83%.

Sessione no per De’Longhi, che lascia sul tappeto una perdita del 2,47%.

Preda dei venditori Inwit, con un decremento dell’1,89%.

Si concentrano le vendite su CIR, che soffre un calo dell’1,67%.

Piazza Affari in lieve salita davanti alle borse europee