Piazza Affari in calo insieme alle altre Borse europee

(Teleborsa) – Dopo un avvio senza slancio, Piazza Affari si indebolisce a metà giornata al pari delle altre borse europee. Gli investitori rimangono intimoriti dal dibattito commerciale più che mai aperto tra USA e Cina. All’orizzonte rimane il Consiglio Europeo che inizia oggi, 28 giugno, a Bruxelles. All’ordine del giorno figurano temi scottanti quali migrazione, sicurezza, difesa, Brexit e, ovviamente, economia e finanza. Intanto, la BCE rimane più che mai decisa a proseguire con glistimoli per sostenere la ripresa dell’inflazione, ma mette in guardia dal “rischio elevato” derivante da Paesi come Italia e Spagna dove teme si facciano “passi indietro” sulle riforme pensionistiche.

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,24%. L’Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,02%. Seduta sulla parità per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che si attesta a 72,82 dollari per barile.

In lieve rialzo lo spread, che si posiziona a 252 punti base, con un incremento di 5 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 2,82%.

Tra i mercati del Vecchio Continente si concentrano le vendite su Francoforte che soffre un calo dell’1,01%, senza slancio Londra, che negozia con un -0,23%. Pensosa Parigi che mostra un calo frazionale dello 0,47%.

Sessione debole per il listino milanese, che scambia con un calo dello 0,60% sul FTSE MIB. Sulla stessa linea, si muove al ribasso il FTSE Italia All-Share che perde lo 0,52%. 

In buona evidenza a Milano i comparti bancario (+0,77%), materie prime (+0,40%) e vendite al dettaglio (+0,65%). In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si manifestano nei comparti tecnologia (-3,66%), automotive (-2,44%) e servizi finanziari (-1,17%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, andamento positivo per Unicredit che avanza di un discreto +1,21%. Ben comprata Saipem che segna un rialzo dell’1,17%. Banco BPM avanza dell’1,38%. Positiva r Fineco che vanta un progresso dello 0,76%.

I più forti ribassi, invece, si verificano su STMicroelectronics, che continua la seduta con -4,06%. Giornata no per Prysmian che registra un ribasso del 3,51%. Il CdA ha approvato le condizioni e i termini dell’aumento di capitale. Giornata no per Ferrari che lascia sul tappeto una perdita del 2,62%. In caduta libera Fiat Chrysler che affonda del 2,84%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Amplifon (+1,98%), RCS (+2,05%), ASTM (+1,78%) e Hera (+1,95%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Gima Tt che continua la seduta con -5,17%. Pesante EI Towers che segna una discesa di oltre 3 punti percentuali. Seduta no per Biesse che crolla del 2,53%. Sensibili perdite per Anima Holding in calo dell’1,91%.

Piazza Affari in calo insieme alle altre Borse europee