Piazza Affari immobile insieme alle altre Borse europee

(Teleborsa) – Nulla di fatto per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, che terminano la seduta sui livelli della vigilia all’indomani dell’esito incerto delle elezioni in Germania e in attesa di capire l’evoluzione delle tensioni geopolitiche.

Di nessun aiuto Wall Street, che pure sceglie la via dell’immobilismo in una sessione avara di spunti macroeconomici. L’unico dato di rilievo è la fiducia dei consumatori, scesa più delle attese.

Sul valutario, ancora segno meno per l’Euro / Dollaro USA, con la moneta unica che sconta, più dell’azionario, il deludente voto tedesco. Tra le commodities l’oro porta a casa un guadagno dell’1,07% mentre il petrolio (Light Sweet Crude Oil) sconta qualche presa di profitto dopo le corse della vigilia alimentate dalle attese per un nuovo taglio alla produzione OPEC.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 170 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,11%.

Tra i mercati del Vecchio Continente poco mosso Francoforte, che mostra un +0,08%, pensosa Londra, con un calo frazionale dello 0,21%, e tentenna Parigi, con un modesto ribasso dello 0,27%.

A Milano, il FTSE MIB è sostanzialmente stabile, chiudendo la giornata su 22.431 punti; sulla stessa linea, rimane ai nastri di partenza il FTSE Italia All-Share, che si ferma a 24.728 punti, in prossimità dei livelli precedenti. In lieve ribasso il FTSE Italia Mid Cap (-0,22%), come il FTSE Italia Star (-0,2%).

A Piazza Affari il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,2 miliardi di euro, in calo del 8,00%, rispetto ai 2,4 miliardi della vigilia; per quanto concerne i volumi, questi si sono attestati a 0,52 miliardi di azioni, rispetto ai 0,58 miliardi precedenti.

A fronte dei 223 titoli trattati sulla piazza milanese, 115 azioni hanno chiuso in calo, mentre 97 azioni hanno portato a casa un incremento. Poco mosse le altre 11 azioni del listino italiano.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, acquisti a piene mani su BPER, che vanta un incremento del 2,95% esattamente come Ferragamo, che oggi ha beneficiato della promozione a “buy” da parte di Deutsche Bank.

Rialzi oltre il 2% anche per Banco BPM e Yoox. 

Tra i titoli più venduti figurano invece Moncler, che lascia sul parterre l’1,30%, e Mediaset -0,89%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, giornata positiva per Sogefi, Sias, Technogym e Geox. Le peggiori performance, invece, si sono registrate su El.En, Tamburi e Fincantieri. Il colosso della cantieristica navale continua a scontare le attese per una risoluzione del dossier Stx, che mettono in secondo piano le numerose commesse annunciate in questi giorni, ultima quella da Silversea.

Piazza Affari immobile insieme alle altre Borse europee