Piazza Affari è la peggiore oggi in Europa con banche e energia

(Teleborsa) – Piazza affari è la peggiore oggi in Europa, dopo la partenza incerta di Wall Street ed i dati occupazionali USA, che hanno evidenziato la creazione di meno posti di lavoro dell previsto. Una indicazione che peserà certamente sulle decisioni della Fed, tanto che i mercati sino alla pubblicazione del dato erano rimasti pressoché immobili.  

La delusione del Job Report ha colpito il dollaro, con il cross Euro / Dollaro USA che mostra un progresso dello 0,52% a 1,128 USD. L’Oro, in aumento (+1,09%), raggiunge 1.278,8 dollari l’oncia. Giù il petrolio (Light Sweet Crude Oil) (-2,13%), che ha toccato 47,33 dollari per barile, sui timori di un aumento dell’offerta USA.

Balza in alto lo spread, posizionandosi 197 punti base, con un incremento di 4 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 2,25%.

I listini europei chiudono nel complesso positivi: buona performance per Francoforte che cresce dell’1,25%, senza spunti Londra che chiude quasi in pari, positiva Parigi che sale di un frazionale +0,47%.

A Milano hanno pesato banche ed energia con scambi rarefatti a causa della festività del 2 giugno, con il FTSE MIB che lascia sul parterre lo 0,22%, mentre chiude intorno alla parità il FTSE Italia All-Share, che si ferma a 23.200 punti. Frazionale rialzo per il FTSE Italia Mid Cap (+0,34%); guadagni frazionali per il FTSE Italia Star (+0,49%).

Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 2,29 miliardi di euro, in deciso ribasso (-14,05%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 2,67 miliardi di euro; mentre i contratti si sono attestati a 242.778, rispetto ai precedenti 286.462 ed i volumi scambiati sono passati da 0,69 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 0,55 miliardi.

Tra i 212 titoli trattati, 120 azioni hanno chiuso la sessione odierna in progresso, mentre 81 hanno chiuso in ribasso. Invariati i restanti 11 titoli.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Sanitario (+2,19%), Chimico (+1,22%) e Immobiliare (+1,20%). Nel listino, i settori Petrolifero (-1,35%), Vendite al dettaglio (-0,97%) e Assicurativo (-0,81%) sono stati tra i più venduti.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Prysmian (+3,43%), grazie ad un upgrade di Goldman Sachs.

Brillanti anche Recordati (+3,20%), Atlantia (+2,03%) e Mediaset (+1,98%).

La peggiore è ENI, che termina in calo dell’1,96%, in un comparto energetico condizionato dall’andamento negativo delle commodities. 

Seduta negativa per BPER, che chiude gli scambi con una perdita dell’1,66%.

Sotto pressione Yoox, che accusa un calo dell’1,54%.

Scivola Unipol, con un netto svantaggio dell’1,34%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari è la peggiore oggi in Europa con banche e energia