Piazza Affari chiude una settimana positiva grazie alle trimestrali delle Blue Chips

(Teleborsa) – Piazza Affari e le altre borse europee chiudono la seduta e la settimana in rialzo, beneficiando dei positivi spunti arrivati dal fronte societario (conti trimestrali) e di alcuni dati macro rassicuranti.

A dare un’impronta positiva nel pomeriggio è stato soprattutto il dato dell’inflazione USA, che ha evidenziato unì’accelerazione inferiore al previsto, allentando le preoccupazioni sulle mosse della Fed. Preoccupante invece il dato sull’inflazione europea che si è riportato vicino al target della BCE.

Leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,093. L’Oro mostra un timido guadagno, con un progresso dello 0,39%. Sessione debole per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia con un calo dello 0,40%.

Sulla parità lo spread, che rimane a quota 186 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 2,25%.

Tra i listini europei si muove in rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,47%, bilancio positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,66%, tonica Parigi, che registra una plusvalenza dello 0,41%.

Discreta performance per la Borsa milanese, con il FTSE MIB che sale dello 0,43% a 21.575 punti; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share avanza in maniera frazionale, arrivando a 23.800 punti. Senza direzione il FTSE Italia Mid Cap (+0,11%), come il FTSE Italia Star (0,1%).

Dai dati di chiusura di Borsa Italiana, risulta che il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,94 miliardi di euro, in calo del 20,49%, rispetto ai 3,7 miliardi della vigilia; mentre i contratti si sono attestati a 312.973, rispetto ai 374.736 precedenti.

Su 216 titoli azionari trattati in Piazza Affari, 94 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 115. Invariate le rimanenti 7 azioni.

Telecomunicazioni (+2,10%), Viaggi e intrattenimento (+1,87%) e Sanitario (+1,65%) in buona luce sul listino milanese. Nel listino, i settori Costruzioni (-1,63%), Materie prime (-1,23%) e Media (-0,89%) sono stati tra i più venduti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in primo piano Banco BPM, che mostra un forte aumento del 6,16%, dopo una trimestrale che ha sancito il ritorno all’utile. 

Decolla Recordati, con un importante progresso del 2,53%.

In evidenza Telecom Italia, che mostra un fortissimo incremento del 2,39%.

Le più forti vendite su Prysmian, che ha terminato le contrattazioni a -2,83%.

Lettera su Buzzi Unicem, che registra un importante calo del 2,07%.

Calo deciso per Tenaris, che segna un -1,25%.

Sotto pressione UnipolSai, con un forte ribasso dell’1,10%.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari chiude una settimana positiva grazie alle trimestrali de...