Piazza Affari chiude con il segno più in cima agli Eurolistini

(Teleborsa) – Chiusura su di giri per Piazza Affari che fa meglio degli altri listini europei.  Giovano i positivi dati sul PIL e sul surplus della Germania, che si conferma la Locomotiva d’Europa, e laripresa delle trattative commerciali tra Stati Uniti e Cina, sebbene le parti non abbiano ancora raggiunto un accordo di “tregua” nella guerra dei dazi.

Nulla di fatto invece da Bruxelles, dove non è stato raggiunto alcun accordo sulla questione migranti sollevata dal casus belli della Diciotti da giorni ferma al porto di Catania.

Intanto, dall’altra parte dell’oceano, gli indici americani accelerano. A dare una sferzata di ottimismo le parole di Jerome Powell che al suo debutto al simposio delle Banche centrali di Jackson Hole ha rivelato cheulteriori graduali aumenti dei tassi sembrano appropriati anche alla luce di un’economia americana che rimane forte.

Sul valutario, segno più per l’Euro / Dollaro USA, che mostra un aumento dello 0,71%. Pioggia di acquisti sull’oro, che sta portando a casa un guadagno dell’1,86%. Giornata di forti guadagni per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), in rialzo dell’1,84%.

Avanza di poco lo spread, che si porta a 279 punti base, evidenziando un aumento di 6 punti base, con il rendimento del BTP a 10 anni pari al 3,13%.

Nello scenario borsistico europeo piccolo passo in avanti per Francoforte che mostra un progresso dello 0,23%. Chiude cauta Londra, che mostra una performance pari a +0,19%. Composta Parigi che cresce di un modesto +0,24%. Piazza Affari archivia la giornata con un guadagno frazionale sul FTSE MIB dello 0,65%.Sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share fa un piccolo salto in avanti dello 0,52%, portandosi a 22.970,34 punti.

Tra i best performers di Milano, in evidenza Fiat Chrysler (+3,25%) che è stata sostenuta dai rumors sulla possibile cessione di Magneti Marelli. In salita STMicroelectronics (+2,56%), Buzzi Unicem (+2,15%) e Leonardo (+1,90%). Rialzi frazionali per Unicredit sui rumors che la banca sarebbe pronta ad accelerare sul dossier Societe Generale. I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Pirelli, che ha archiviato la seduta a -2,77%. In calo Snam che evidenzia una perdita dell’1,94%. Preda dei venditori A2A, con un decremento dell’1,34%. Pensosa Terna, con un calo frazionale dello 0,97%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Juventus (+4,49%), Saras (+2,13%), FILA (+1,73%) e Technogym (+1,26%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Inwit che ha chiuso a -2,39%. Lettera su Brunello Cucinelli che registra un calo del 2,18%. Si concentrano le vendite su Credito Valtellinese che soffre un calo dell’1,62%. Vendite su Credem che registra un ribasso dell’1,44%.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari chiude con il segno più in cima agli Eurolistini