Piazza Affari cede alle vendite. In Europa prevale la cautela

(Teleborsa) – Si chiude una giornata negativa per la borsa di Milano che si allinea alla debolezza delle borse europee. A pesare sui listini ancora  i timori per una guerra commerciale sui dazi tra Stati Uniti e Cina. Timori che pesano anche sulla borsa americana, dove lo S&P-500 segna un calo dello 0,38%.

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,23. Lieve aumento per l’oro, che mostra un rialzo dello 0,25%. Prevale la cautela sul mercato petrolifero, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che continua la seduta con un leggero calo dello 0,60%.

Nello scenario borsistico europeo si muove sotto la parità Francoforte, evidenziando un decremento dello 0,37%. Poco mossa Londra che mostra un +0,05%. Contrazione moderata per Parigi che soffre un calo dello 0,20%.

Chiusura in frazionale ribasso per Piazza Affari, con il FTSE MIB che lascia sul parterre lo 0,30%, interrompendo la serie di quattro rialzi consecutivi, iniziata il 27 marzo scorso. Sulla stessa linea, depresso nel finale il FTSE Italia All-Share che chiude sotto i livelli della vigilia in calo dello 0,33%. 

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Recordati (+0,95%), ENI (+0,86%), Campari (+0,82%) e Snam (+0,78%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su CNH Industrial che ha chiuso a -3,44%.

Cede alle vendite anche Mediaset, in buon rialzo nella prima parte della giornata grazie all’accordo con Sky. 

In caduta libera STMicroelectronics che affonda del 2,44%.

Pesante Exor che segna una discesa di ben -2,27 punti percentuali.

Pirelli & C scende dell’1,95%.

Frazionali i ribassi di Fiat Chrysler che sconta il forte calo delle immatricolazioni di auto in Italia.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Anima Holding (+5,12%), Datalogic (+3,93%), IGD (+3,77%) e MARR (+2,47%). I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Juventus, che ha archiviato la seduta a -5,66%.

Giornata no per Piaggio

In perdita Interpump, in calo del 3,58%.

In apnea Reply che arretra del 3,37%.

Piazza Affari cede alle vendite. In Europa prevale la cautela