Piazza Affari brilla insieme al Vecchio Continente

(Teleborsa) – Piazza Affari in denaro insieme agli altri euro listini, dopo il finale al rialzo di Wall Street e Tokyo ma soprattutto sulla speranza di un accordo tra il governo italiano e Bruxelles sulle banche.

A livello macroeconomico la deflazione continua a far paura in Giappone mentre un po’ meno in Germania. 

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,24%. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,37%. Sessione euforica per il greggio, con il petrolio (Light Sweet Crude Oil) che mostra un balzo del 2,93%.

Torna a scendere lo spread, attestandosi a 132 punti base, con un calo di 5 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all’1,20%.

Tra i mercati del Vecchio Continente, decolla Francoforte, con un importante progresso dell’1,53%, trascurata Londra, che resta incollata sui livelli della vigilia, incandescente Parigi, che vanta un incisivo incremento dell’1,53%.

Giornata di forti guadagni per Piazza Affari, con il FTSE MIB in rialzo dell’1,99%, continuando la scia rialzista evidenziata da quattro guadagni consecutivi, innescata giovedì scorso.

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Unicredit (+9,24%) dopo il collocamento del 10% di Finecobank, seguita da Mediobanca (+6,78%), UBI Banca (+5,82%) e Banca Popolare dell’Emilia Romagna (+5,61%). Le più forti vendite, invece, si manifestano su Finecobank, che prosegue le contrattazioni con un -2,17%. Discesa modesta per Luxottica, che cede un piccolo -0,86%.

Piazza Affari brilla insieme al Vecchio Continente