Piazza Affari brilla con il lusso. Europa più cauta

Finale all’insegna degli acquisti per le principali borse europee dove Piazza Affari trionfa grazie alla buona performance dei titoli legati al lusso.

Sul sentiment degli investitori regna la cautela in attesa, in settimana, della pubblicazione sull’andamento dell’attività manifatturiera cinese, dopo che la Federal Reserve ha dovuto rimandare il rialzo dei tassi, sui  timori per un rallentamento dell’economia globale.

Più in generale si registra un clima disteso dopo l’importante test delle elezioni in Grecia, giacché i mercati avevano dato per scontata la conferma di Tsipras alla guida del Paese.

Sessione debole per sull’Euro / Dollaro USA, che scambia con un calo dell’1,03%. Prevale la cautela sull’oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,61%. Pioggia di acquisti sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che porta a casa un guadagno del 2,69%.

Sulla parità lo Spread, che rimane a quota 111 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,79%.

Tra i listini europei, piccoli passi in avanti per Francoforte, che segna un incremento marginale dello 0,55%: i riflettori oggi sono stati accesi sul titolo Volkswagen colpito da scandalo negli Stati Uniti di cui il colosso tedesco è protagonista. Giornata moderatamente positiva per Londra, che sale dello 0,27%; buona la performance per Parigi, che cresce dell’1,27%. Piazza Affari continua la sessione in rialzo, con il FTSE MIB che avanza a 21.726 punti.

Nella Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 2,41 miliardi di euro, in calo di 2.095,9 milioni di euro, rispetto ai 4,51 miliardi della vigilia; i volumi si sono attestati a 0,73 miliardi di azioni, rispetto ai 1,58 miliardi precedenti.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, in evidenza Luxottica, che mostra un fortissimo incremento del 4,26%, beneficiando delle dichiarazioni ottimiste del patron Del Vecchio. Sempre nel lusso, brilla YOOX, con una marcata risalita del 3,18%, festeggiando l’entrata nel capitale del fondo statunitense Wasatch Advisors.

Tra le costruzioni, svetta Buzzi Unicem che segna un importante progresso del 3,28% grazie al “buy” di Kepler Cheuvreaux.

Brilla Mediaset, con un forte incremento (+2,74%) in attesa dell’accordo di distribuzione con Telecom Italia che, secondo quanto promesso dall’AD di Telecom Patuano, sarà operativo a brevissimo.

Tra i pochi ribassi, invece, troviamo Unipol, che ha archiviato la seduta a -1,05%, nel giorno di ingresso tra le blue chips del FTSE MIB al posto di Autogrill.

Contrazione moderata per Fiat Chrysler Automobiles, che soffre un calo dello 0,63%, seguendo l’andamento debole dell’intero settore automotive a livello europeo, dopo lo scandalo che ha colpito la tedesca Volkswagen.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari brilla con il lusso. Europa più cauta