Piazza Affari avvia in retromarcia insieme alle borse europee

(Teleborsa) – Si apre una giornata no per l’equity europeo, con Piazza Affari che segue la scia ribassista delle altre Borse europee. 

I mercati si allineano alla depressione delle borse asiatiche che sono state affossate da Wall Street dopo che l’FMI ha tagliato le stime di crescita dell’economia a stelle e strisce. Il numero uno della Fed, Janet Yellen, invece, ha confermato il suo ottimismo sulla congiuntura statunitense.

L’Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,41%. Nessuna variazione significativa per l’oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.250,7 dollari l’oncia. Vendite diffuse sul petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua la giornata a 43,85 dollari per barile.

Tra gli indici di Eurolandia sotto pressione Francoforte che accusa un calo dello 0,80%, contrazione moderata per Londra che soffre un calo dello 0,48%. Scivola Parigi, con un netto svantaggio dello 0,75%.

Si muove in frazionale ribasso Piazza Affari, con il FTSE MIB che sta lasciando sul parterre lo 0,39%. Sulla stessa linea, si posiziona sotto la parità il FTSE Italia All-Share che retrocede dello 0,45%
1%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, composta Unicredit che cresce dello 0,99%.

Lievi rialzi per UBI Banca  che ha concluso con successo l’aumento di capitale.

In frazionale rialzo Saipem che mostra un moderato rialzo dello 0,49%.

Resistente Intesa Sanpaolo che segna un piccolo aumento dello 0,73%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Italgas che scivola del 2%.

In rosso Ferrari, che evidenzia un deciso ribasso dell’1,80%.

Spicca la prestazione negativa di STMicroelectronics, che scende dell’1,56%.

Brembo scende dell’1,17%.

Piazza Affari avvia in retromarcia insieme alle borse europee