Piazza Affari apre in rosso. L’immobilismo delle banche centrali innervosisce le borse

(Teleborsa) – Brutto avvio di giornata per Piazza Affari e le altre borse europee, che scontano la pessima performance dei mercati asiatici, dopo una serie di dati negativi sul fronte economico ed il nulla di fatto della Bank of Japan.

Anche la Fed ha preso tempo, facendo slittare un potenziale rialzo dei tassi a giugno, in quanto conferma il persistere di qualche incertezza, ma non vede più rischi per la ripresa economica.

Leggera crescita dell’Euro / Dollaro USA, che sale a quota 1,136. L’Oro continua la sessione in rialzo e avanza a quota 1.255,6 dollari l’oncia soprattutto a causa del deprezzamento del dollaro. Il petrolio WTI stamattina perde lo 0,75% e continua a trattare a 44,99 dollari per barile.

Torna a salire lo spread, attestandosi a 126 punti base, con un aumento di 5 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari all’1,50%.

Tra gli indici di Eurolandia, apre male quello di Francoforte che mostra una limatura dello 0,70%, vendite su Londra, che registra un ribasso dello 0,75%, seduta negativa per Parigi, che avvia gli scambi con una perdita dello 0,81%. A Milano, si muove sotto la parità il FTSE MIB, che scende a 18.690 punti, con uno scarto percentuale dello 0,32%.

Tra i best performers di Milano, si segnala il balzo di Saipem (+7,74%), dopo una relazione trimestrale migliore delle attese e la conferma della guidance.

Molto bene le banche, che avevano fatto peggio la vigilia: Banco Popolare sale dell’1,14%, Azimut dell’1,01% ed Unicredit dello 0,70%.

I più forti ribassi, invece, si segnala Tenaris, che perde il 3,81%.

Sotto pressione Campari, che accusa un calo dell’1,38%, e Salvatore Ferragamo, con uno svantaggio dell’1,32%.

Dimessa Finmeccanica, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Piazza Affari apre in rosso. L’immobilismo delle banche centrali...