Piazza Affari apre cauta assieme alle altre borse. Giù i bancari, brilla Enel

(Teleborsa) – Esordio cauto per Piazza Affari e per le altre borse europee, che scontano la correzione del greggio, i deludenti dati americani ed il pessimo dato sulla produzione tedesca.

A frenare i mercati contribuisce anche l’attesa per la riunione della BCE, appuntamento clou della settimana, in calendario per domani. 

Sostanzialmente stabile l’Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,124. Consolida i livelli della vigilia lo spread, attestandosi a 121 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,09%.

Tra i listini europei, fiacca Francoforte, che lima lo 0,10%, nulla di fatto per Londra, che passa di mano sulla parità, debole Parigi, che cede lo 0,15%. Piazza Affari pre sottotono, riportando una variazione pari a -0,06% sul FTSE MIB.

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, buona performance per Enel, che cresce dell’1,99%, in scia al buon giudizio di Goldman Sachs, che ha portato la raccomandazione sul titolo a “buy” e lo ha aggiunto alla sua “conviction buy list”.

Seduta buona anche per Recordati, che riflette un moderato aumento dello 0,93%.

Piccoli passi in avanti per ENI, che segna un incremento marginale dello 0,80%.

Giornata moderatamente positiva per YOOX NET-A-PORTER, che sale di un frazionale +0,78%.

Le peggiori performance sono delle banche: Unicredit c’1,65%, Banca Popolare di Milano l’1,42%, Unipol l’1,4% e Mediolanum l’1,25%.

Piazza Affari apre cauta assieme alle altre borse. Giù i bancari, bri...