Piazza Affari accentua le perdite su tensione politica

(Teleborsa) – Seduta nera per Piazza Affari, sulle incertezze politiche che fanno volare lo spread oltre 300 punti. Oggi il premier incaricato Carlo Cottarelli dovrebbe presentare la lista dei ministri al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Segno meno per l’Euro / Dollaro USA, in una sessione caratterizzata da ampie vendite (-0,75%). Lieve aumento dell’oro, che sale a 1.304,8 dollari l’oncia. Profondo rosso per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che continua gli scambi a 66,72 dollari per barile, in netto calo dell’1,71%.

Nello scenario borsistico europeo in caduta libera Francoforte, che affonda dell’1,87%, giù Londra, che soffre un calo dell’1,41%, pesante Parigi, che segna una discesa di ben -2,1 punti percentuali.

Giornata nera per la Borsa di Milano, che registra una discesa del 3,45%, portando avanti la scia ribassista di cinque cali consecutivi avviata mercoledì scorso.

Andamento negativo a Piazza Affari su tutti i comparti. In fondo alla classifica, Banche (-5,24%), Assicurativo (-4,54%) e Servizi per la finanza (-3,88%).

Perdono terreno tutte le Blue Chip di Milano. I più forti ribassi si verificano su UBI Banca, che continua la seduta con un -6,65%. Seduta drammatica per Intesa Sanpaolo, che crolla del 6,01%. Sensibili perdite per Poste Italiane, in calo del 5,69% nel giorno dell’Assemblea. In apnea Banco BPM, che arretra del 5,00%.

Nel FTSE MidCap, affonda Credito Valtellinese, con un -7,68%. Tonfo di Anima Holding, che mostra una caduta del 5,56%. Lettera su OVS, che registra un importante calo del 7,00% dopo aver concesso una dilazione di pagamento a Sempione. Affonda Amplifon, con un ribasso del 5,86% dopo la bocciatura di Mediobanca.

Piazza Affari accentua le perdite su tensione politica