Piaggio giù in Borsa sul taglio della cedola. Utile in calo ma cresce il fatturato

(Teleborsa) – Risultati in chiaroscuro per il Gruppo Piaggio che ha chiuso il 2015 con un utile netto in calo a 11,9 milioni di euro, rispetto ai 16,1 milioni di euro del 2014, a causa di maggiori ammortamenti. Il dividendo è stato così tagliato a 5 centesimi per azione, penalizzando il titolo in Borsa, che ora arretra di oltre il 5%.

I ricavi netti consolidati sono stati pari a 1,2 miliardi di euro, in crescita del 6,8% rispetto al 2014, anche per l’effetto positivo dei cambi. Buono l’andamento degli affari in tutte le principali aree geografiche in cui opera: Europa-Medioriente e America (+6,6%), India (+8,9%) e Asia-Pacifico (+3,8%).

L’evoluzione positiva degli affari ha portato a un EBITDA consolidato di 161,8 milioni di euro, in crescita rispetto ai 159,3 milioni di euro registrati nel 2014, mentre l’EBIT ha risentito degli ammortamenti, scendendo a 56,7 milioni di euro.

L’indebitamento finanziario netto al 31 dicembre 2015 si è attestato a 498,1 milioni di euro, in aumento di circa 5,3 milioni di euro rispetto ai 492,8 milioni registrati al 31 dicembre 2014.

Piaggio giù in Borsa sul taglio della cedola. Utile in calo ma cresce...