Piaggio Aerospace verso richiesta cassa integrazione per oltre mille lavoratori

(Teleborsa) – Cassa integrazione per oltre mille dipendenti Piaggio Aerospase a partire da maggio. Lo ha annunciato il commissario straordinario dell’azienda in difficoltà, Vincenzo Nicastro, nel corso di un incontro con le sigle sindacali, precisando che intende aprire una procedura di cassa integrazione straordinaria (CIGS) per un massimo di 1027 dipendenti “in tempi brevi”. Ovviamente, l’utilizzo della CIGS potrebbe anche essere inferiore al previsto in base ai carichi di lavoro.

La decisione di chiedere il sostegno degli ammortizzatori fa riferimento alle incertezze sui tempi degli investimenti per l’aereo da trasporto executive P180 e per la certificazione del drone P1HH, con conseguenze sull’attività dello stabilimento.

Intanto, il Ministro Elisabetta Trenta ha ribadito il “valore strategico dell’azienda” e la disponibilità della Difesa a “supportare la creazione delle condizioni idonee ad una soluzione più duratura possibile“. A tal proposito, la titolare della Difesa ha assicurato “mi adopererò perché ciò avvenga anche con l’attuazione di un programma di rinnovamento della flotta di velivoli P180 già disponibile presso le Forze Armate”. Più cauti i commenti sul drone P1HH, che l’Aeronautica ritiene non adeguato alle proprie esigenze, rispetto al quale la Trenta ha affermato “sono in corso approfondimenti mirati a ricercare ulteriori sinergie che permettano il proseguimento del programma nel più ampio interesse nazionale”.

“Desidero ringraziare il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta per aver voluto confermare il valore strategico di Piaggio Aerospace e per aver manifestato pubblicamente l’impegno, d’altra parte mai venuto meno, a sostenerne il futuro”, ha replicato Nicastro, commentando le sue parole.

Piaggio Aerospace verso richiesta cassa integrazione per oltre mille&n...