Petrolio, Texas Railroad Commission rimanda decisione su tagli produzione

(Teleborsa) – La Railroad Commission del Texas, l’ente statale che regola l’industria dei combustibili fossili, ieri ha rimandato il voto sui tagli obbligatori alla produzione di petrolio per rispondere alla crisi del settore. La richiesta era arrivata dai produttori di shale oil di medie dimensioni come Parsley Energy e Pioneer Natural Resources, in netto contrasto con la volontà delle grandi aziende energetiche, Exxon Mobil e Chevron in testa.

La Commissione si è dichiarata in attesa del parere del procuratore generale dello Stato, Ken Paxton. Un rinvio che è stato cavalcato dai ribassisti e che va ad alimentare le indiscrezioni secondo le quali il Texas non taglierà la produzione nemmeno nei prossimi giorni.

Intanto il WTI per il mese di giugno, sull’onda emotiva dei giorni scors, ha visto il prezzo crollare di un ulteriore 43% a 11 dollari al barile.

Da Washington intanto arrivano le rassicurazioni di Trump: “Non deluderemo mai la grande industria petrolifera e del gas statunitense – ha twittato il Presidente USA – ho incaricato il Segretario dell’Energia e il Segretario del Tesoro di formulare un piano che renderà disponibili i fondi in modo che queste aziende e posti di lavoro così importanti siano assicurati a lungo nel futuro!”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, Texas Railroad Commission rimanda decisione su tagli produzi...