Petrolio, Russia favorevole a congelare la produzione. Vertice OPEC a fine settembre

(Teleborsa) – La Russia di Putin è convinta che un accordo tra i paesi produttori di petrolio per congelare la produzione e sostenere i prezzi sia una “buona decisione” per il mercato mondiale. Lo ha detto lo stesso leader del Cremlino durante un’intervista all’agenzia Bloomberg.

Gli addetti ai lavori guardano al vertice OPEC di fine settembre, ad Algeri. Ormai è quasi scontato un nulla di fatto sul raggiungimento di un possibile accordo sul congelamento della produzione di oro nero. Pesa la posizione dell’Iran che in più occasioni ha ribadito di essere contraria a uno stop all’output. Seguendo l’esempio dell’Iran, anche l’Arabia Saudita difficilmente sarebbe disposta a limitare la sua produzione, alla luce dei suoi nuovi record.

“L’Iran parte da una posizione molto bassa, legata alle ben note sanzioni”, ha aggiunto Putin. “Non sarebbe corretto lasciarlo a questi livelli”.

Nel frattempo i prezzi del greggio continuano a salire beneficiando della debolezza del dollaro. Tuttavia il mancato equilibrio tra domanda e offerta continua a pesare sul sentiment degli investitori. 

Sul New York Mercantile Exchange, il Light Sweet Crude scadenza ottobre segna un rialzo dello 0,97% a 43,58 dollari al barile mentre il Brent Crude guadagna l’1,03% a 46,3 dollari.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, Russia favorevole a congelare la produzione. Vertice OPEC a ...