Petrolio prosegue rally in scia flop vertice Opec+

(Teleborsa) – Nuovo fallimento per l’Opec che fa naufragare il vertice, mandando alle stelle le quotazioni del greggio. Il vertice si è riaggiornato a data da destinarsi a causa delle rimostranze degli Emirati Arabi in merito alla baseline, cioè alla base produttiva su cui viene calcolata la quota, ed alla proposta di mantenere i tagli sino a tutto il 2022.

Il prezzo di un barile di greggio, a causa di questi sviluppi, è volato sullen piazze internazionali delle materie prime: il Brent è balzato a 77,42 dollari al barile, in aumento dello 0,34%, mentre il light crude americano è salito fino a 76,67 dollari, in crescita dello 0,47%. In aumento anche il prezzo dell’Opec Basket, una miscela dei principali tipi di greggio del cartello, indicato a 75,18 dollari al barile.

L’ascesa delle quotazioni, in atto da qualche tempo, parrebbe non fermarsi. Il greggio è già ai massimi dal 2018 e già si guarda allo sfondamento della soglia degli 80 dollari.

(Foto: Raimond Castillo / Pixabay)

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio prosegue rally in scia flop vertice Opec+