Petrolio, prezzi stabili. Focus sull’OPEC

(Teleborsa) – Quotazioni del petrolio deboli in attesa che l’OPEC pubblichi il rapporto mensile sul mercato dell’oro nero. 

Il più vicino contratto sul Light Crude statunitense scambia a 64,02 dollari al barile, in lieve aumento dello 0,05%. Stesso movimento cauto per il Brent che lima lo 0,02% a 68,98 dollari, ma avvicinandosi alla soglia psicologica dei 70 dollari.

Secondo i dati diffusi dall’American Petroleum Institute (API), la scorsa settimana lo stock di greggio è diminuito di circa 5,1 milioni di barili, rispetto a una riduzione prevista di 3,6 milioni. Le scorte di benzina, invece, sono salite per circa 1,8 milioni di barili, rispetto a un aumento di 3,4 milioni atteso dagli analisti. In aumento di 600 mila barili, le scorte di distillati, contro una previsione in aumento per 86 mila barili. 

Attesi nel primo pomeriggio i dati relativi alle scorte settimanali USA di prodotti petroliferi, diffusi dall’EIA, divisione del Dipartimento dell’Energia americano.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, prezzi stabili. Focus sull’OPEC