Petrolio, prezzi in tensione guardano a vertice OPEC

(Teleborsa) – I prezzi del petrolio risultano poco mossi, pur viaggiando in territorio positivo, sostenuti dalla scommessa di un prolungamento dei tagli OPEC. L’organizzazione dei paesi produttori di petrolio potrebbe varare una proroga della manovra di restrizione all’offerta il cui scopo è quello di sostenere le quotazioni. 

Il Brent di Londra sale dello 0,10% a 60,55 dollari al barile, mentre il Light Crude americano scambia sopra la parità a 57,2 dollari al barile (+0,07%). 

Gli addetti ai lavori guardano dunque, al meeting del cartello, in agenda a Vienna a fine novembre. Parallelamente restano le tensioni in Medio Oriente, in particolare il conflitto tra Arabia Saudita e Iran che potrebbe accentuare il nervosismo dei mercati.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, prezzi in tensione guardano a vertice OPEC