Petrolio, Opec+: spettro seconda ondata, mantenere tagli produzione

(Teleborsa) – L’Opec+ sollecita i propri membri a rispettare il piano di tagli alla produzione petrolifera per far fronte ad una eventuale seconda ondata del coronavirus, che comporterebbe un nuovo calo della domanda, secondo quanto riferisce Bloomberg.

Alla fine della sessione di apertura della riunione virtuale del cartello petrolifero, viene sottolineato nella bozza del comunicato che bisogna rimanere “vigili” perché la ripresa del mercato rallenta “a causa dei crescenti rischi di una seconda e prolungata ondata dell’emergenza Covid-19″.

C’è ancora molto lavoro da fare e vi invito a non abbassare la guardia e a continuare con gli sforzi fatti negli ultimi tre mesi”, ha detto il ministro del petrolio dell’Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, rivolgendosi ai membri dell’Opec+, sottolineando che “tanto più grande sarà il nostro impegno, più il mercato ci premierà”.

La domanda globale di “oro nero” chiuderà il 2020 accusando un calo medio record equivalente 8,1 milioni di barili al giorno, portandosi a quota 91,9 milioni di barili al giorno, 140mila barili al giorno in meno rispetto alle stime fornite in passato. E’ quanto ha stimato, nei giorni, scorsi l’Agenzia internazionale per l’energia (AIE) nel suo ultimo rapporto mensile, alla luce del persistere di riduzioni alle attività di trasporti conseguenti al perdurare di elevati casi di coronavirus nel mondo.

A pesare anche la debolezza del trasporto aerei passeggeri, spiega l’AIE nello studio. L’Agenzia ha anche tagliato la previsione sulla domanda 2021 di 240 mila barili al giorno equivalenti, a 97,1 milioni di barili al giorno.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, Opec+: spettro seconda ondata, mantenere tagli produzione