Petrolio, la caduta si interrompe grazie a Opec e banche centrali

(Teleborsa) – Rimbalzano i prezzi del petrolio dalla caduta peggiore dal 2008 registrata la scorsa settimana.

A fare da assist agli scambi contribuiscono le aspettative di nuove mosse da parte delle banche centrali mondiali per stabilizzare i mercati finanziari, mentre cresce la speranza che l’Opec+ decida di aumentare ulteriormente i tagli alla produzione di greggio, nella riunione in calendario il prossimo 5 e 6 marzo, in scia al continuo diffondersi del coronavirus al di fuori dei confini cinesi.

Il WTI alla Borsa di New York sale dell’1,76% a 45,55 dollari al barile, mentre il Brent londinese guadagna l’1,98% a 50,57 dollari/b.

(Foto: skeeze / Pixabay)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, la caduta si interrompe grazie a Opec e banche centrali