Petrolio, Iran contrario a congelare la produzione ma appoggia l’Opec per mantenere i prezzi stabili

(Teleborsa) – L’Iran difende il proprio diritto di aumentare la produzione di petrolio. Una posizione assunta da Teheran che rischia di complicare i tentativi da parte dei ministri del petrolio di Venezuela e Qatar di raggiungere un accordo con il ministro iraniano Bijan Zanganeh e il suo omologo iracheno.

Alla riunione odierna tra i ministri del petrolio, Teheran ha rifiutato il patto di congelamento siglato ieri a Doha dall’Arabia Saudita con Russia, Venezuela e Qatar, per bloccare la produzione petrolifera ai livelli di gennaio. L’accordo è subordinato al parere favorevole di altri grandi produttori, e già ieri l’Iran aveva fatto sapere di essere contrario al congelamento dell’output. 

Tuttavia, il ministro del petrolio iraniano Zanganeh ha detto che “l’Iran appoggia l’Opec per mantenere i prezzi stabili”, ma non ha precisato se congelerà la propria produzione. “Appoggiamo la cooperazione tra Opec e paesi non Opec. E’ un passo positivo e noi lo sosteniamo” ha affermato Zanganeh.

Questa settimana, da Teheran è partita la prima petroliera verso l’Europa carica di 4 milioni di barili di petrolio.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, Iran contrario a congelare la produzione ma appoggia l&#8217...