Petrolio in stand by a New York. Il Brent ferma la sua corsa

(Teleborsa) – S ridimensionano le quotazioni petrolifere, dopo la fiammata della vigilia. I realizzi però colpiscono soprattutto il Brent del mare del Nord, che rappresenta un benchmark di riferimento da questa parte dell’Oceano per le strategie OPEC.

Il WTI a New York tiene bene e avanza ancora dello 0,3% a 44,6 dollari al barile, mentre il Brent cede all’IPE di Londra oltre l’1% a 47,15 dollari al barile.

Il rally di ieri era stato innescato da alcune dichiarazioni giunte in sede di G20 dall’Arabia Saudita, che si era detta favorevole a trovare un compromesso con l’altro grande produttore esterno al cartello, la Russia.

Il vertice OPEC di Vienna ormai si avvicina (è in agenda il 26 settembre) e la possibilità di una manovra concertata per ridurre la produzione continua però a tenere alte le quotazioni del greggio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio in stand by a New York. Il Brent ferma la sua corsa