Petrolio in ribasso in attesa delle decisioni OPEC+

(Teleborsa) – Il petrolio scambia in ribasso nella mattinata di lunedì, in attesa che i produttori OPEC+ (l’alleanza allargata della storica lobby dei produttori di greggio) si incontrino in videoconferenza per decidere se rafforzare l’aumento già previsto della produzione. L’OPEC+ ha concordato a luglio di incrementare la produzione di 400.000 barili al giorno ogni mese almeno fino ad aprile 2022, per eliminare gradualmente 5,8 milioni di barili al giorno di tagli esistenti.

Alle 9.00, i future sul greggio Brent di dicembre hanno raggiunto i 78,94 dollari al barile, in diminuzione di 0,34 dollari o dello 0,43%. I future sul greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) di novembre scambiano in ribasso di 0,38 dollari, o dello 0,50%, a 75,50 dollari al barile.

Si prevede un’ampia volatilità, non solo a causa dell’imminente riunione dell’OPEC+, ma anche della crescente crisi energetica in Europa e Cina”, ha dichiarato Vandana Hari, CEO di Vanda Insights, a S&P Global Platts. Con la Cina alla ricerca di maggiori forniture e la produzione statunitense ancora zoppicante, l’OPEC+ ha molte ragioni per considerare di aumentare la produzione oltre il suo obiettivo attuale, secondo un’analisi di S&P Global Platts, punto di riferimento per le informazioni su energia e materie prime.

“Le carenze nel GNL (gas naturale liquefatto, ndr) e nel carbone termico potrebbero vedere le industrie tornare a prodotti petroliferi come olio combustibile, diesel e propano per il loro fabbisogno energetico”, hanno scritto stamattina in una nota gli analisti di ANZ Research.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio in ribasso in attesa delle decisioni OPEC+