Petrolio in ribasso. Focus su negoziati con l’Iran

(Teleborsa) – I prezzi del petrolio sono in ribasso, con gli investitori che attendono passi in avanti ai colloqui di Vienna sul nucleare iraniano. Le trattative di questa settimana sono cruciali affinché gli Stati Uniti revochino le sanzioni sui settori petrolifero, bancario e marittimo del Paese mediorientale.

Alle 8.30, i future sul greggio Brent di agosto hanno raggiunto i 71,29 dollari al barile, in ribasso di 0,60 dollari o dello 0,85%. I future sul greggio statunitense West Texas Intermediate (WTI) di luglio scambiano in perdita di 0,50 dollari, o dello 0,70%, a 69,13 dollari al barile.

C’è comunque la possibilità che il greggio sia in calo anche perché alcuni investitori hanno deciso di vendere per prese di profitto quanto il WTI ha superato quota 70 dollari al barile, secondo Avtar Sandu, senior commodities manager di Phillips Futures. “La preoccupazione principale riguarda il ritorno sul mercato dei barili iraniani, ma non credo che ci sarà un accordo prima delle elezioni presidenziali iraniane“, ha commentato a Reuters. Il più grande Paese del Medio Oriente andrà al voto il 18 giugno.

La settimana scorsa l’OPEC+ aveva confermato il percorso di prudente allentamento delle restrizioni all’offerta. Il cartello allargato degli esportatori reimmetterà sul mercato circa 2 milioni di barili al giorno entro luglio, riducendo gradualmente i tagli alla produzione e rispettando l’impegno preso lo scorso aprile.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio in ribasso. Focus su negoziati con l’Iran