Petrolio, i prezzi puntano in alto

(Teleborsa) – Le quotazioni di greggio londinese del Brent scambiano in timido rialzo oltre i 64 dollari al barile mentre i prezzi del WTI americano viaggiano a 57,64 dollari, con la prospettiva di una buona tenuta durante i prossimi mesi.

Gli investitori, meno disposti a tenere in portafoglio asset considerati più rischiosi, guardano alla testimonianza di due giorni al Congresso USA del Presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, in calendario questa settimana. I mercati sperano che il banchiere farà luce sul meeting di politica monetaria, previsto per la fine di questo mese, con gli addetti ai lavori fiduciosi su una riduzione del costo del denaro.

Per quanto riguarda l’offerta, l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio e produttori alleati (OPEC +) hanno concordato, la scorsa settimana, di estendere l’intesa sul taglio della produzione fino a marzo 2020, una mossa ampiamente attesa dal mercato.

In questi giorni, oltre ai consueti dati settimanali sulle scorte di petrolio negli Stati Uniti, arriverà l’ultimo rapporto mensile sull’energia, pubblicato dall’EIA (Energy Information Administration).

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, i prezzi puntano in alto