Petrolio, effetto sanzioni Iran sui prezzi del Brent

(Teleborsa) – Si amplia la performance dei prezzi dei futures sul Brent che navigano vicino ai massimi dal novembre 2014,. A dare linfa alle quotazioni del greggio londinese, contribuiscono i timori sull’impatto delle sanzioni USA all’Iran.

Il contratto sul Brent, scadenza ottobre, si attesta a 83,17 dollari al barile con un rialzo dello 0,76%. Il future di riferimento sull’oro nero statunitense, WTI, stessa scadenza, guadagna lo 0,38% a 73,53 dollari al barile.

Dallo scorso 6 agosto, Washington ha ripristinato alcune sanzioni contro Teheran, che erano state rimosse dopo l’accordo sul nucleare del 2015. Dal prossimo 5 novembre, scatterà un’altra tranche di sanzioni che riguarderà il petrolio, il settore energetico e quello bancario e finanziario.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, effetto sanzioni Iran sui prezzi del Brent