Petrolio di nuovo sotto i 30 dollari al barile

(Teleborsa) – Le vaghe promesse dei grandi produttori di petrolio non bastano più agli investitori. L’oro nero ha ripreso la propria corsa al ribasso dopo i dati sulle scorte di greggio negli Stati Uniti che hanno riacceso prepotentemente i timori per un eccesso di fornitura globale.

I futures sul WTI di prossima scadenza sono tornati sotto i 30 dollari al barile, e in questo momento perdono quasi 1 dollaro, mentre quelli sul Brent – il greggio di riferimento del Mare del Nord – in scadenza ad aprile, stanno arretrando di 78 centesimi a quota 33,48 dollari al barile.

A inizio settimana i prezzi del barile erano saliti di oltre il 14% grazie all’inattesa decisione di Arabia Saudita, Qatar, Russia e Venezuela di congelare la produzione sui livelli di gennaio. 

Tuttavia questa decisione non è stata condivisa da tutti – l’Iran, per esempio, si è detta contraria anche se disposta a trovare una soluzione al crollo delle quotazioni.

Inoltre l’Arabia Saudita, primo produttore al mondo, ha fatto sapere che Riad non è ancora pronta ad un taglio della produzione.

Tutto ciò non ha fatto che aumentare la volatilità sul comparto.

Petrolio di nuovo sotto i 30 dollari al barile
Petrolio di nuovo sotto i 30 dollari al barile