Petrolio di nuovo in rally sui mercati internazionali

(Teleborsa) – La settimana parte all’insegna della forza per il mercato petrolifero, che si avvantaggia del crescere delle tensioni geopolitiche in Medioriente.

Il Brent aveva aperto questa mattina molto vicino ai 58 dollari, posizionandosi ai massimi dell’anno ed al top dal 2015, dopo che il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha avvertito la regione autonoma del Kurdistan iracheno, che oggi vota per l’indipendenza da Baghdad, che non accetterà di lasciare le infrastrutture di trasporto del petrolio di proprietà del governo turco.

Il Brent adesso  si è sgonfiato e quota 57,74 dollari al barile, quasi invariato rispetto a venerdì. Meglio il Light crude statunitense che avanza dello 0,42% a 52,08 dollari/barile, sulla scommessa di un ridimensionamento dell’offerta a livello globale.

Petrolio di nuovo in rally sui mercati internazionali