Petrolio continua correzione da massimi 2014

(Teleborsa) – Le quotazioni del greggio viaggiano in calo daimassimi di novembre 2014raggiunti di recente. Ad infiammare i prezzi del petrolio erano state le tensioni riaccese tra Iran e Stati Uniti dopo che il presidente americano Donald Trump ha annunciato l’uscita degli USA dall’accordo sul nucleare iraniano.

Il contratto sul Light Crude statunitense scambia a 70,51 dollari al barile con un ribasso dello 0,27%. Stessa direzione per il Brent europeo che cede lo 0,34% a 76,68 dollari.

Atteso in giornata dall’OPEC, Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio,  il rapporto sul mercato mensile dell’oro nero.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio continua correzione da massimi 2014