Petrolio buca i 45 dollari poi recupera marginalmente

(Teleborsa) – Petrolio sulle montagne russe sui mercati internazionali, a causa di un eccesso di offerta che non riesce ad essere assorbito dai taggli attuali e futuri dell’OPEC.

Il greggio stanotte è crollato ai minimi degli ultimi 5 mesi, con il future sul Brent che ha toccato un minimo di 46,98 dollari, per poi recuperare a 49 dollari al barile. Stesso movimento per il WTI statunitense, che ha addirittura bucato la soglia dei 45 dollari, scendo temporaneamente al di sotto, per poi riportarsi a 45,74 dollari al barile. 

Il mercato risente ancora dell’eccesso di offerta in USA, causata dalla produzione Shale Oil, che continua a mantenere alte le scorte oltreoceano.

Si attende ora il prossimo vertice OPEC del 24 maggio, nella speranza di un’estensione dei tagli nella dimensione o nella durata,.

Petrolio buca i 45 dollari poi recupera marginalmente