Petrolio ancora in profondo rosso su eccesso offerta

(Teleborsa) – Il petrolio prosegue il movimento di correzione avviato negli ultimi giorni al termine delle contrattazioni in Asia, in scia al dollaro più forte ed ai segnali di un nuovo sbilanciamento dell’offerta.

Il rischio è che la fiammata della produzione Shale, che ha ormai oltrepassato i 10 milioni di barili, effettuando il sorpasso sull’Arabia Saudita prima del previsto, possa vanificare tutti gli sforzi profusi dall’OPEC nel contenere la produzione mondiale mediante fissazione di un tetto all’output.

Frattanto, si attendono i dati settimanali sulle scorte  in calendario domani pomeriggio, che dovrebbero evidenziare una crescita degli stocks di 2,9 milioni di barili.

Intanto, il future sul Light Crude al Nymex cede lo 0,74% a 63,36 dollari, mentre il Brent arretra dello 0,7% a 67,12 dollari al barile.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio ancora in profondo rosso su eccesso offerta