Petrolio, allarme BCE: il calo dei prezzi potrebbe essere negativo per la crescita globale

(Teleborsa) – Il calo delle quotazioni del petrolio è un segnale di rallentamento dell’economia mondiale. 

E’ quanto afferma nel bollettino mensile la BCE che ha esaminato l’impatto dei ribassi dei prezzi del greggio sull’attività complessiva, durante gli ultimi due anni.  

“Mentre nel 2014 buona parte del calo del prezzo del petrolio potrebbe essere ricondotta al significativo aumento dell’offerta di greggio, negli ultimi casi il prezzo più basso è il riflesso del calo della domanda globale” ha spiegato l’Eurotower.

L’istituto guidato da Mario Draghi, ha avvertito inoltre che “anche se il prezzo basso del petrolio sostiene la domanda interna grazie all’aumento dei redditi reali nei Paesi importatori, non necessariamente potrebbe compensare gli effetti più ampi dell’indebolimento della domanda globale”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Petrolio, allarme BCE: il calo dei prezzi potrebbe essere negativo per...