Petrolio, a Vienna si cercano compromessi

(Teleborsa) – Cresce l’attesa per la riunione Opec di domani, venerdì 22 giugno 2018, che si potrebbe concludere con un aumento della produzione al fine di stabilizzare i prezzi del petrolio.

Al momento l’accordo non c’è ma si delinea un compromesso, che potrebbe tuttavia risultare inefficace. 

La Russia, che fa parte del cosiddetto Opec+, il Cartello allargato alle altre principali nazioni produttrici, vorrebbe incrementare l’output di 1,5 milioni di barili al giorno: 200mila barili al giorno in più da Mosca; 500mila da Riad, Emirati Arabi Uniti e Kuwait; 800mila barili da altri. Contrari soprattutto Venezuela, Iran e Iraq. 

Il ministro del Petrolio saudita, Khalid al-Falih, sembra aver rilanciato proponendo un incremento da 1 milione di barili, riconoscendo che un forte aumento dell’offerta risulterebbe “politicamente inaccettabile”. “Ne discuteremo”, ha detto il rappresentante dell’Iran, Bijan Namdar Zanganeh.

In attesa della decisione scendono i prezzi dell’oro nero: il Brent scambia a 73,62 dollari mentre il Light Sweet Crude si porta a 65,68 dollari.

Petrolio, a Vienna si cercano compromessi