Pernigotti, domani incontro al ministero del Lavoro su cassa integrazione

(Teleborsa) – “Questa vertenza è una lunga maratona, si deve conquistare un miglio alla volta” ha annunciato due giorni fa il ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, ai lavoratori della fabbrica Pernigotti di Novi Ligure, assicurando l’impegno del governo affinché lo stabilimento resti aperto le persone possano continuare a lavorare.

Per riuscire nell’impresa, Di Maio ha anche avanzato l’ipotesi di allungare eventualmente i tempi della procedura di vendita, in attesa di conoscere tutte le proposte dell’advisor. Una prospettiva che, tuttavia, non è stata accolta con favore dal sindaco di Novi, Rocchino Muliere, e da molti lavoratori, in quanto farebbe slittare ancora la cassa di integrazione.

Alla vigilia dell’incontro di domani al Ministero del Lavoro per chiedere garanzie sulle retribuzioni fino alla definizione della procedura, tuttavia, i lavoratori hanno deciso di non partecipare. I pullman per Roma sono stati disdetti e ad occuparsi della trattativa saranno i sindacati, intenzionati, innanzitutto, a capire quali intenzioni ci siano da parte di Sperlari e del fondo indiano.

“Sembra che sul tappeto ci siano tre possibilità: l’acquisizione totale di marchio, società e fabbrica, un’ingresso in società al 51 per cento e l’affitto di marchio e sito per continuare a produrre a Novi” afferma Domenico Cichero (Rsu Fai Cisl).

Intanto Di Maio ha annunciato che il caso Pernigotti darà il nome alla legge per la tutela dei marchi made in Italy. “Una legge che – fa sapere il Ministro – imporrà di restare nel territorio in cui sono nati, legati alle comunità che li hanno fatti nascere, sviluppare e resi grandi nel mondo” .

Pernigotti, domani incontro al ministero del Lavoro su cassa inte...