Performance negativa per le Piazze del Vecchio Continente

(Teleborsa) – Seduta difficile per Piazza Affari, che scambia in netto calo, in accordo con gli altri Listini continentali, che accusano perdite consistenti. Nel frattempo, a Wall Street prevalgono gli acquisti per lo S&P-500.

Negativo l’Euro / Dollaro USA, in flessione dell’1,30%. L’Oro è in calo (-1,67%) e si attesta su 1.652,2 dollari l’oncia. Deciso rialzo del petrolio (Light Sweet Crude Oil) (+8%), che raggiunge 33,62 dollari per barile.

Sui livelli della vigilia lo spread, che si mantiene a +224 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona all’1,38%.

Tra i listini europei Francoforte scende dell’1,41%, resta vicino alla parità Londra (-0,09%), e lettera su Parigi, che registra un importante calo dell’1,51%.

A picco Piazza Affari, con il FTSE MIB che accusa un ribasso del 3,28%, continuando sulla scia ribassista rappresentata da quattro cali consecutivi, in essere da giovedì scorso; sulla stessa linea, si abbattono le vendite sul FTSE Italia All-Share, che continua la giornata a 19.438 punti, in forte calo del 3,32%. Pesante il FTSE Italia Mid Cap (-3,88%), come il FTSE Italia Star (-2,8%).

Scivolano sul listino milanese tutti i settori.

Nel listino, le peggiori performance sono quelle dei settori telecomunicazioni (-5,58%), utility (-5,53%) e servizi finanziari (-5,36%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Diasorin (+3,37%), Buzzi Unicem (+2,37%), STMicroelectronics (+0,81%) e ENI (+0,80%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Atlantia, che continua la seduta con -8,18%.

Affonda Fineco, con un ribasso del 7,17%.

Crolla A2A, con una flessione del 7,17%.

Vendite a piene mani su Mediobanca, che soffre un decremento del 6,87%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Aeroporto di Bologna (+3,97%), Fincantieri (+2,05%), MARR (+1,69%) e Italmobiliare (+1,41%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Banca Mediolanum, che continua la seduta con -11,94%.

Pessima performance per IREN, che registra un ribasso del 9,94%.

Sessione nera per Falck Renewables, che lascia sul tappeto una perdita del 7,65%.

In caduta libera OVS, che affonda del 7,42%.

(Foto: © Luca Ponti | 123RF)

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Performance negativa per le Piazze del Vecchio Continente