Pensioni d’oro, il governo stringe i tempi: un decreto per tagliarle

(Teleborsa) – Governo pronto a tagliare le pensioni d’oro con un decreto. A dare l’annuncio, lo scorso 13 ottobre, il vicepremier e ministro del Lavoro Luigi Di Maio, che ha appunto dichiarato l’intenzione di recuperare un miliardo di euro dal taglio degli assegni dai 3500 euro in su.

Da mesi, ormai, il leader pentastellato parla apertamente di sforbiciate alle pensioni ritenute troppo alte e Repubblica anticipa che la soglia potrebbe essere abbassata dai 4500 euro ai 3500. Il Ministro del Lavoro punta ad attuare la misura attraverso un decreto per stringere i tempi. Un taglio alle pensioni più alte che servirà a finanziare l’aumento delle pensioni minime a 780 euro.

Pochi giorni fa, Di Maio aveva tracciato la via: “Abbiamo chiuso il lavoro sulle pensioni d’oro e ci andiamo a prendere oltre 1 miliardo di euro da pensionati d’oro che in questi anni non hanno versato neanche un decimo di quello che stanno prendendo. Anticipiamo la norma direttamente nel decreto di lunedì, senza neanche aspettare il percorso“.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni d’oro, il governo stringe i tempi: un decreto per tagli...