Pendolari: nuovo contratto di servizio Regione Lazio-Trenitalia di 539,2 mlm anche per 20 treni “Jazz”

(Teleborsa) – Il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e l’Amministratore delegato di Trenitalia, Barbara Morgante, hanno presentato il nuovo Contratto di servizio per la gestione del trasporto pubblico sulle ferrovie regionali del Lazio.

L’accordo, valido fino al 2020, prevede un ammontare del corrispettivo da versare a Trenitalia di circa 225 milioni di euro l’anno con un aumento significativo dell’offerta, dei servizi forniti ai pendolari del Lazio e delle garanzie per i viaggiatori di tutte e otto le linee regionali e del Leonardo Express per l’aeroporto intercontinentale “Leonardo da Vinci” a Fiumicino. 

Agli investimenti già realizzati in questi anni, che hanno portato alla fornitura di 130 nuove vetture “Vivalto” (21 treni circa) e di 5 treni “Jazz”, con il nuovo Contratto, per l’esattezza 539,2 milioni di euro, si vanno ad aggiungere 20 nuovi treni “Jazz” per il collegamento non stop Termini-Aeroporto Fiumicino con il Leonardo Express e per le linee regionali, di cui 5 già consegnati, 114 vetture del tipo Vivalto e 46 TAF (treni ad alta frequentazione) completamente revampizzati. Si tratta di investimenti che consentiranno un sostanziale svecchiamento dell’intero parco rotabile viaggiante nella Regione Lazio, con un abbassamento dell’età media da 17,5 a soli 13 anni. Un rinnovamento della flotta che arriverà all’87 per cento delle vetture circolanti.

Inoltre, grazie alla versatilità del materiale acquistato, saranno possibili diverse configurazioni dei treni, in grado di rispondere al meglio alle esigenze dei pendolari, in particolar modo nelle ore di punta. I 539,2 milioni di euro di investimenti per l’acquisto del nuovo materiale rotabile, per il revamping dei treni Taf e delle nuove tecnologie sono ripartiti in 444,2 mln di euro che verranno finanziati da Trenitalia e 95 mln di euro dalla Regione Lazio.

Sarà messa in atto una maggiore specificità nel monitoraggio dei fattori di qualità del servizio di trasporto che terrà conto di puntualità e affidabilità rispetto all’orario ufficiale in vigore. Inoltre, monitoraggio dei treni in fascia oraria di punta sia mattutina che pomeridiana; pulizia e condizioni igieniche; comfort di viaggio; aumento dei treni idonei a trasporti diversamente abili; impegno di Trenitalia per azioni di antievasione e antielusione; verifica annuale della corrispondenza tra i risultati previsionali attesi e quelli effettivamente riscontrati a consuntivo.

Quanto alla puntualità, la media nel 2016 (dal mese di gennaio ad ottobre) giornaliera reale, cioè quella percepita dal viaggiatore compresa di cause esterne, di tutte le linee regionali è del 90,25 per cento con punte del 92,81 per cento nella fascia pendolare del mattino (dalle ore 6 alle ore 10). Rispetto al 2014 il miglioramento della puntualità è del +7 per cento. Positivi anche i dati sulle cancellazioni dei treni che rispetto al 2014 si sono ridotte del 23,6 per cento generando una maggiore regolarità del servizio.

Per quanto riguarda la partecipazione e la condivisione con le Associazioni dei Consumatori e comitati dei pendolari va evidenziato come il percorso ed i risultati ottenuti sono tali da consentire di considerare il Contratto del Lazio come tra i più avanzati a livello nazionale.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pendolari: nuovo contratto di servizio Regione Lazio-Trenitalia di 539...