Patto export e “segnali positivi”: l’Italia guarda avanti

(Teleborsa) – La fase più critica dell’emergenza sanitaria sembra ormai alle spalle e l’Italia, tra incognite e speranze, prova a ripartire. “Cerchiamo di vedere una luce in fondo al tunnel e credo che oggi i dati dell’Istat confermano sostanzialmente le previsioni del Governo che indicano la possibilità concreta di una ripresa nel terzo trimestre, già da questo mese si colgono alcuni segnali di ripartenza“. Così il Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, alla firma del Patto dell’Export alla Farnesina, definito “importante” e “strategico” sottolineando che il processo che ha portato alla firma stato “inclusivo e approfondito” e i “sei pilastri strategici” consentono di fare un “salto di qualità nell’azione che il nostro paese deve svolgere per sostenere uno dei vettori fondamentali della sua crescita e del suo sviluppo”.

“Abbiamo stanziato più di un miliardo di euro nel nuovo piano export e con tutte le rappresentanze delle aziende italiane firmeremo questo patto per l’export che significa cominciare un percorso di un’Italia ambiziosa che è pronta ad affrontare il post-coronavirus con un prodotto che non ha eguali nel mondo, il Made in Italy”. Con queste parole nei giorni scorsi il Ministro degli Esteri Di Maio ha annunciato il Patto per l’export “a supporto delle nostre imprese che esportano all’estero”, realizzato grazie al “grande lavoro di squadra, oltre che il massimo sforzo della Farnesina, insieme alla grande sinergia con gli altri ministeri”.

L’evento, presieduto da Di Maio, vede infatti la partecipazione del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Teresa Bellanova, dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri, delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, dell’Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi, per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini, e per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione, Paola Pisano.

Stando a quanto reso noto dalla Farnesina, presenti anche il Presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, Stefano Bonaccini, nonchè i principali enti preposti al sostegno all’internazionalizzazione del sistema produttivo (tra cui Agenzia ICE, Gruppo CDP, SACE, SIMEST, Invitalia e Commissariato Generale per EXPO Dubai 2020), Confindustria e circa 20 associazioni rappresentative del sistema imprenditoriale.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Patto export e “segnali positivi”: l’Italia guarda a...