Passano in positivo i titoli bancari, Banco BPM resta indietro

(Teleborsa) – Prove di recupero per i titoli bancari di Piazza Affari, dopo la seduta di passione della vigilia. Il comparto è tornato sotto i riflettori a causa delle rinnovate preoccupazioni per l’entità degli NPL (crediti deteriorati), dopo che indiscrezioni di mercato hanno ipotizzato che la BCE potrebbe fare ad alcune banche italiane richieste più stringenti. Va ricordato infatti che il buffer viene indicato dalla vigilanza bancaria europea su basi più o meno discrezionali per paese ed istituto. 

Girano in positivo, BPER  con un +0,47%, seguita da UBI che guadagna lo 0,79%. Tonica Unicredit +1,08% già ben intonata in avvio: il Gruppo guidato da Mustier ha collocato un’emissione di strumenti Additional Tier 1 destinata ad investitori istituzionali per un totale di 1 miliardo di euro. Gli analisti di Credit Suisse hanno confermato il giudizio “neutral” sul titolo di Piazza Gae Aulenti e il target price a 18,6 euro.

Fa eccezione il Banco BPM  che cede oltre l’1% mentre l’istituto guidato da Castagna è impegnato nella scelta delle offerte vincolanti per un portafoglio da 1,8 miliardi di NPL unsecured. Resta debole Intesa Sanpaolo  che lima lo 0,11%. 

Passano in positivo i titoli bancari, Banco BPM resta indietro
Passano in positivo i titoli bancari, Banco BPM resta indietro